Il Sole, in Nord Europa, è una ragazza introversa. Non ama mostrarsi, anzi, per la maggior parte del tempo si nasconde dietro il cielo plumbeo e una sfumatura di precipitazioni, che vanno dalla pioggerella impalpabile alla bomba d’acqua apocalittica. Ma quando decide di uscire allo scoperto, beh, uno non riesce a rimanere impassibile di fronte a una luce che da noi non esiste, con una pienezza di colori e di contrasti che solo queste latitudini possono avere.  Come se nella nostra testa ci fosse qualcuno a smanettare con Photoshop.

La Scozia non è come la Norvegia o l’Islanda. Prima di tutto, perchè qui l’elemento umano e quello storico sono molto, molto più forti: questa è una terra di storie di uomini, di battaglie, di castelli e leggende che flirtano con il mondo del reale. A volte non sai bene se sei dentro un film o no, come quando sul viadotto di Glenfinnan ti vedi passare l’Hogwarts Express davanti al naso. Oppure passeggiando nelle strade di Edimburgo, dove nel Medioevo più o meno ad ogni incrocio un uomo è stato decapitato in seguito ad un regolamento di conti, e il passante di turno non esita a farcire il racconto con qualche dettaglio trash.

1. Edimburgo. 

Graffiti e muri vecchi di secoli, questa è Edimburgo.
“The Dogs”, probabilmente uno dei ristoranti più strani dove finire a mangiare fish and chips. Tutto qui è arredato a base di canidi trash.

Uno dei pochi momenti di cielo sereno ce lo siamo goduti a Carlton Hill, una collina in pieno centro vittima, nel corso dei secoli, di esperimenti architettonici di dubbio gusto. Uno di questi è il National Monument, ovvero un tentativo incompiuto di clonare il Partenone greco. Certo è che la vista, da qui, è la migliore della città.

Ultima tappa prima delle Highlands, Cramond Village. Un piccolo borgo in periferia di Edimburgo dove le case sono tutte dipinte di bianco e le barche a vela dondolano oziosamente in compagnia dei cigni. Lo si visita in un’ora, ma il suo effetto è pari a quello di una camomilla.

Cramond Village

Bere il te con una muta di Cavalier King Spaniel è molto, molto scottish.

2. Le Highlands

Padroni della strada sulla nostra possente C3.

3. Isle of Skye.